Roberto Guarducci vanta una carriera creativa di tutto rispetto. Dopo aver frequentato varie case di moda a Milano, in particolare ricorda la collaborazione con il designer Luciano Soprani, nell’azienda Basile, nota casa di moda, si trasferì a Roma per intraprendere una nuova ma lunga avventura professionale nella Maison Fendi, gestita allora dalle famose 5 sorelle, azienda nella quale ha collaborato per circa 22 anni. Nell’ufficio stile Fendi, ha visto nascere molte collezioni, che hanno fatto la storia nella moda e che hanno influenzato la sua arte. 

Stilista e docente di Fashion Design dalla lunga e brillante carriera. Il brand Roberto Guarducci firma collezioni di abiti dell’Alta Moda racchiudendo in ogni sua creazione tutte le qualità di stile, eleganza, femminilità  e classe, esaltando l’immagine di nuova donna romantica.

Abiti dall’elegante allure all’impareggiabile glamour, recuperando il vocabolario della vera bellezza, così da darle il giusto valore. L’obiettivo unico delle sue collezioni è mirato alla ricerca di una qualità creativa ed innovativa e ad un’estetica seducente; abiti che nella loro completezza donano emozioni di colori, di forme e di linee che esaltano e valorizzano al massimo la figura romantica della donna, nel rispetto della persona e della personalità, senza dimenticarne l’originalità creativa e la qualità sartoriale, oltre che i preziosi tessuti italiani valorizzati da raffinate e sofisticate lavorazioni sartoriali. Abiti che si rivolgono ad una donna consapevole della propria personalità, delle proprie caratteristiche fisiche ed estetiche e che vuole valorizzare al massimo la propria femminilità con raffinata eleganza.

Le ispirazioni creative a cui fà rifermento per i suoi abiti, possono essere di varia natura ma l’Arte pittorica degli artisti dell’ Art Nouveau e dell’ Art Dèco sono per lui una fonte inesauribile di emozioni e quindi di spunti estetici fondamentali al suo ideale di ricerca estetica e di sperimentazione.

Per creare ogni collezione, ritiene Guarducci, è importante avere una precisa ispirazione di partenza, un’idea dalla quale partire per poi ampliarla nella nostra ricerca creativa giungendo ad una linea guida che ne possa poi determinare uno stile identificabile.

Grande fonte di ispirazione sono le Icone di stile uniche e intramontabili come le grandi attrici internazionali degli anni 30/40/50/60: Audrey Hepburn, Vivien Leight, Rita Hayworth, Virna Lisi, Ava Gardner e molte altre.

Lo stilista Roberto Guarducci ha terminato la realizzazione di una nuova collezione femminile completa di abiti e di accessori di grande preziosità e di valore creativo, alla quale ho dedicato molto impegno e dedizione e che presenterà per la prima volta in defilè alla settima edizione della “La Magia delle Muse”, evento di Alta Moda di cui ne è l’ideatore e il direttore artistico che si svolge ogni anno nella Sala delle Muse del Circolo Unione del Teatro Petruzzelli di Bari.  

La sala è affrescata dagli splendidi dipinti dell’artista Armenise, che decorano il salone e rappresentano le Muse ispiratrici della Bellezza e dell’Arte, in un contesto di grandi specchi e stucchi dorati, con grandi lampadari di cristallo che ha visto nel corso delle passate edizioni sfilare grandi nomi dell’Alta Moda (a livello nazionale ed internazionale) come Gianni Molaro, volto noto di Rai Due della trasmissione televisiva Detto Fatto, Nino Lettieri, Franco Ciambella, Carlo Alberto Terranova Sarli New Land, Michele Miglionico, Claudia Perdicchia in arte TITTA’ e tanti altri noti personaggi conosciuti dello spettacolo e della moda.

Ad ogni edizione viene assegnato il premio “La Musa dell’Anno”, ad una Eccellenza della moda, del giornalismo, del cinema, della cultura, dell’arte e dello spettacolo, che si è saputo/a particolarmente distinguere nella sua professione.

La nuova collezione sarà accompagnata da uno shooting fotografico a cui parteciperanno grandi fotografi che riprenderanno e valorizzeranno al massimo le nuove creazioni in una cornice da favola.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here