Presso l’Auditorium dell’Archivio di Stato di Vercelli (ex convento di Santa Maria delle Grazie o della Visitazione), dal 24 marzo al 19 aprile 2019, si tiene la mostra documentaria Ego Guala presbiter cardinalis heredes instituo. Frammenti e prospettive di un’eredità da riscoprire,a cura di Elena Rizzato, Silvia Sette, Ilaria Alessandra Montalenti e Fabrizio Frongia, con la collaborazione di Maria Beatrice Ferrarotti. 

La mostra tratterà principalmente gli eventi di epoca medievale relativi alla fondazione e ai primi anni di vita dell’Abbazia e alle figure ottocentesche di Carlo Emanuele e Edoardo Arborio Mella, i quali studiarono e restaurarono gli edifici del complesso abbaziale. Il percorso espositivo verterà quindi su due nuclei tematici, all’interno dei quali verranno approfonditi differenti aspetti di interesse storiografico, dalla antica cappella cittadina di S. Andrea alla fondazione della Basilica, con particolare attenzione al ruolo e all’operato del cardinale Guala Bicchieri; quello dei rapporti sinergici e di protezione tra l’Abbazia, la diocesi di Vercelli e i due pontefici Onorio III e Gregorio IX, per arrivare ai tempi più recenti, con l’esposizione di disegni settecenteschi e agli studi e mirabili ritrovamenti dell’architetto Carlo Emanuele Arborio Mella. 

Tra i documenti in mostra, spiccano il resoconto coevo della fondazione dell’Abbazia, che fissa con certezza alla data del 19 febbraio 1219 la posa delle prime due pietre; la copia del testamento del cardinale Guala Bicchieri, unico esemplare integrale ancora conservato; bolle papali con sigillo pendente; disegni acquerellati; documenti autografi del conte Edoardo Arborio Mella e, infine, il manoscritto Memorie storiche sull’Abbazia di Sant’ Andrea di Vercelli di Carlo Emanuele Arborio Mella, dato alle stampe dal figlio.

La mostra, ad ingresso libero e gratuito, sarà visitabile nel periodo 25 marzo – 19 aprile con i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 15.30; domenica 24 marzo, sabato 30 marzo, sabato 6 e sabato 12 aprile dalle ore 15 alle 19.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here