Donatella Rettore icona di stile anni 80 ingiustamente dimenticata dal sistema musica italiano, rappresenta uno dei pochi esempi di cantante realmente all’avanguardia che ha precorso i tempi con i suoi look e con i suoi pezzi che hanno sempre fatto discutere, diviso, stupito e appassionato migliaia di fan.


Rettore è stata la cantante con le vendite più alte bei primi anni ‘80 e ha costituito un fenomeno di costume oltre che musicale.. Anche se attiva negli anni ‘70 con successi da milioni di copie, ma solo in Germania (con il brano Laiola vende quasi 5 milioni) è solo nel ‘79 che riesce ad ottenere un grande clamore in Italia. Visibilmente dimagrita, cambia anche il suo look e il genere di proposta musicale, più improntata al rock e al pop (invece che al progressivo/cantautorale) con qualche concessione alle sonorità della disco che impazzava all’epoca. Il singolo che apre questo nuovo corso è Eroe (che in seguito dichiarerà essere uno dei suoi brani preferiti), ma solo l’anno seguente, nel 1979, con Splendido splendente e l’album Brivido divino di vinile rosso fuoco, Rettore raggiunge la vera popolarità.
Regina del trasformismo si reinventa  in mille varianti di diva tra il glam, il punk optical, lo ska, lo stile kamikaze giapponese, le atmosfere romantiche da eroina del far west ed altro ancora…


Nel 1980 pubblica il singolo Kobra, un’altra delle sue storiche hit dal testo assai irriverente e provocatorio, che diviene subito il caso musicale dell’anno, raggiungendo il secondo posto al Festivalbar, con pochissimi voti in meno di Olympic Games, presentata da Miguel Bosé. Il relativo album Magnifico delirio.
Nell’estate del 1981, Rettore spopola con Donatella, una hit ballatissima nelle discoteche, che tuttora viene ricordato come uno dei pochi esempi di ska italiano, e che permette stavolta a Rettore di agguantare la vittoria assoluta al Festivalbar. L’album Estasi clamorosa le vale un nuovo disco d’oro, e contiene anche l’intensa Remember, la prima delle canzoni scritte da Elton John e dal suo entourage appositamente per lei.
Nel 1982 Rettore torna in poco tempo ad essere una delle artiste italiane più amate all’estero. Ne è la conferma l’album Kamikaze Rock ‘n’ Roll Suicide, un vero e proprio concept album, ispirato alla cultura giapponese antica e moderna, e incentrato sull’idea del suicidio per onore, che vende tre milioni di copie in Europa e Giappone: il singolo Lamette è un altro dei suoi brani cult (nel 2006 sarebbe stato utilizzato all’interno della colonna sonora del film Notte prima degli esami.Sempre nel 1982, Donatella è protagonista del film Cicciabomba, dove interpreta Miris Bigolin. La pellicola, che in origine doveva chiamarsi Grassezza fa bellezza, è la storia di una ragazza sovrappeso, alle prese con diete ed umiliazioni: al film partecipano anche Anita Ekberg e Paola Borboni. Fa da colonna sonora al film il nuovo singolo This time, brano in inglese, scritto da Richard Kerr e Gary Osborne (dell’entourage di Elton John).
Arriva poi lo stile Far West, molto prima che lo utilizzasse Madonna.
Nel 1983, esce l’LP Far West, un altro concept album, anticipato dalla hit estiva Io ho te, da molti considerata il brano con cui l’artista raggiunge l’apice della sua carriera, mentre Sweetheart on Parade, che chiude il disco, è un brano composto ancora  da Elton John.
In quegli anni è nelle classifiche delle donne italiane ad aver venduto più dischi seconda solo a Mina.
Poi inizia il declino fatto di album con pezzi non sempre azzeccati e allontanamento sempre più marcato dalle manifestazioni che l’avevano vista primeggiare per anni.
Oggi di lei ci rimane un grande ricordo, una bella discografia e la volontà di riscoprire un personaggio così interessante che ha anticipato mode e trend.
Nel 2006, l’artista Antonello Morsillo le dedica un’intera mostra di opere che la vedono protagonista, dal titolo Immaginata, sia a Roma che a Milano, successivamente: Rettore partecipa ad entrambe le inaugurazioni.

Nel 2002 le viene dedicato un disco tributo, intitolato ClonAzioni – Tutti pazzi per Rettore (il cui titolo doveva essere originariamente Da Diva a Dea), su etichetta Edel Music, cui hanno partecipato tra gli altri: Andy dei Bluvertigo, L.U. dei Soerba, Alessandro Orlando Graziano che assieme a Domiziano Cristopharo (dietro lo pseudonimo di XTO) e Stefano Pais ne è anche il creatore; si segnalano tra gli altri H.E.R. (Erma Castriota), Enrico Sognato e, come special guest, una sorprendente Carla Boni.
Infine o suoi video raccolti in un dvd nato dalla collaborazione congiunta di Sony BMG e Rai Trade, origina nel 2007 Stralunata: un cofanetto composto da due CD (che ripercorrono in 36 brani l’intera carriera di Rettore), un DVD (con le sue più significative apparizioni in RAI e Mediaset) e un piccolo libretto fotografico. Il cofanetto è rimasto nella top 20 dei DVD più venduti per sei settimane, esordendo alla seconda posizione.
Quest’anno una sua raccolta su vinile ha sbaragliato su Amazon qualsiasi artista contemporaneo.
In occasione della Amazon Vinyl Week (dal 23 ottobre 2017) la Nar International pubblica per la prima volta in vinile (di colore bianco) a tiratura limitata di 1.000 copie numerate (distribuzione Artist First), l’album “The Best of the Beast” . Tutte le copie sono state autografate di persona dall’artista. Nel giorno di pubblicazione risulta il disco più venduto su Amazon e nella classifica settimanale FIMI raggiunge direttamente il primo posto nella sezione vinili.

Sabato 14 luglio alle 21.30 al Carroponte di Sesto San Giovanni (MI) avremo la possibilità di rivederla e risentirla in un concerto.
I biglietti sono in vendita a 10 euro (11,50 con la prevendita su mailticket.com).
Come possiamo perdere questa occasione?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here