Ad un anno dall’uscita del relativo libro edito da Salani, avvenuta lo scorso febbraio abbiamo sentito l’esigenza (e ascoltato la richiesta) di poter dare un maggiore respiro al nostro progetto.

Modaterapia non è solo il testo che potete acquistare in libreria e che ispira tutto quello che troverete riportato su questo blog, ma è un approccio al fenomeno “moda” personale, innovativo o conservatore (secondo il giudizio personale di ciascuno), ma sicuramente alternativo e generale.

La moda viene finalmente considerata a 360 gradi e quindi non è solo l’arte di abbigliarsi, ma un fenomeno molto più ampio.

La moda rappresenta infatti un fenomeno non soltanto psicologico e culturale, ma anche e soprattutto storico, economico-sociale che riguarda tutti gli individui che giungono in contatto con il mondo esterno e vivono  in società, riguardando tutti i mezzi di espressione a nostra disposizione.

Ecco quindi che fin dal nostro esordio desideriamo assicurare che in questo blog non parleremo solo di moda, ma anche di altri temi ad essa connessi o dipendenti, dall’arte, al design, dalla cucina, alla ricerca di luoghi insolilti, inediti, (mercatini, negozi, bar, esercizi inconuseti…) il tutto come distillato della “vague” che ha ispirato MODATERAPIA.

Gli approcci perfetti non esistono, esiste l’istinto, la libertà, la fantasia, la ricerca della propria dimensione espressiva, l’identità, la propria creatività, la personalità unica e non circoscrivibile agli schemi proposti, con la sola barriera del buon gusto, o meglio…del gusto in generale

Se moda deve essere …moda sia! Ma a ciascuno la sua.

Ripercorreremo la traccia del libro, snoderemo la nostra ricerca su un’orografia alternativa, seppur sempre fashion o comunque ricercata,  fatta di luoghi, situazioni, fenomeni, ispirazioni, creazioni e sensazioni  nuove o tradizionali, vintage o disinvolte, ma comunque liberatorie.

Non vogliamo promettere troppo e poi non riuscire a mantenere, ma l’intento è quello di  presentarvi una finestra sul mondo a cui potete affacciarvi con grande libertà, senza alcun pregiudizio, preconcetto, sapendo che si può e si deve sbagliare per poter alla fine radrizzare il tiro e ritornare nella giusta direzione, personale, interessante, unica.

Ci toglieremo di dosso uniformità, globalizzazione, piatta identità e tuttavia percorreremo una via rispettosa di tutti i fenomeni di massa collettivi, che comunque ci circondano, ci toccano da  vicino, ci coinvolgono e quindi non possono permetterci di chiudere gli occhi e di  non considerarli nella loro contemporaneità e importanza assoluta. 

Vi racconteremo, vi spiegheremo, rimanderemo alle pagine del libro che comunque ci seguirà come una “stella cometa” durante il nostro viaggio.

Risponderemo ai vostri quesiti, vi proporremo temi e saremo al tempo stesso attenti alle Vs proposte, intavoleremo discussioni, ricerche e possibili incontri.

Quindi siete pronti? 

Si va per cominciare…raccontando ed emozionando.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here