L'immagine può contenere: cielo, oceano, crepuscolo, spazio all'aperto, acqua e natura

Ti ricordi quando pianificavamo il futuro prossimo nei minimi dettagli? Quando ci sdraiavamo e con le mani incrociate cercavamo di colmare gli spazi vuoti tra i polpastrelli e un po’ placavamo il bisogno di affetto.
Pensavamo fosse bello progettare le vacanze estive per due, anche se allora eravamo ancora in inverno e fuori pioveva, ma dentro casa era caldo e tutto aveva a che fare con quel romanticismo casuale e non ricercato, fatto da piccoli gesti.
Ci proiettavamo là dove immaginavamo che ci sarebbe stato il mare, il chiacchiericcio delle onde con le piccole barchette che,ferme al porto, conquistavano un ruolo di rilievo in quel posto che avevamo in mente. Di sicuro avremmo visto il tramonto, di quelli che piacevano a me con le sfumature rosee-arancio che di riflesso mi facevano arrossire e ribellavano una poesia d’amore nel mio stomaco e forse anche nel tuo.
Probabilmente lo avremmo guardato in silenzio perché tutto quello che avremmo voluto dirci, quel tramonto lo esprimeva in un modo migliore ed in un modo più giusto.
Così nella stanzetta fantasticavamo mete, e le proposte si accavallavano dato che erano tante le cose che avremmo voluto fare insieme e cominciavamo a viaggiare oltre quelle quattro pareti che a quanto pare non erano un limite per noi.
Avremmo potuto superare tutto credendoci invincibili e in fondo cos’è l’amore se non tutto questo ?
-Giulia Di Bari 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here